Home / News Online / Omicidio stradale, carcere e revoca della patente
omicidio-stradale-ok-alla-camera

Omicidio stradale, carcere e revoca della patente

La commissione Giustizia del Senato ha approvato il delitto di omicidio stradale e nautico, e lo ha inserito nel codice penale. Giuseppe Cucca del Pd è colui che ha avuto mandato. Si parla di carcere fino a dodici anni, revoca della patente, carcere fino a 30 anni per omicidio stradale in stato di ebbrezza o assunzione di sostanze stupefacenti.

La pena minima è stata stabilita in otto anni di carcere. La norma messa a punto riguarda anche chi guida un natante o una imbarcazione a motore. La pena viene aumentata se il conducente non presta soccorso.  Chi guida l’imbarcazione se procede ad una velocità superiore al doppio di quella consentita o se circola in uno specchio d’acqua nel quale non è consentita la navigazione, vedrà la propria pena aumentata. Il testo della Commissione prevede la reclusione da sette a dieci anni per chiunque non presti soccorso.

La revoca della patente è però sempre una sanzione accessoria.

In caso di revoca per stato di ebbrezza ed eccessiva velocità, il riesame potrà esserci dopo trent’anni, in venti anni quando il titolare della patente è risultato ai controlli positivo all’alcool o alla droga; quindici anni per chi viene colto in stato di ebbrezza.

Ultimo caso di cronaca è avvenuto a Palermo dove una donna è stata uccisa da un automobilista positivo all’ecstasy.

Il primo passo è stato fatto con l’approvazione dunque in Commissione Giustizia del ddl.

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

poker online

Poker: emozioni, innovazione e super computer

Nonostante il Poker sia spesso associato con i nostri tempi, questo rinomato gioco di carte …