Home / News Salute / Zain, primo bimbo nato da staminali
cellule-staminali-per-i-bimbi

Zain, primo bimbo nato da staminali

cellule-staminali-per-i-bimbi

È nato 22 giorni fa, il piccolo Zain, nato in un ospedale di Toronto grazie alla tecnica delle cellule staminali.

Zain Rajani è nato grazie ad un team di medici che hanno utilizzato delle cellule staminali per rinvigorire gli ovuli materni.

Studiando l’infertilità femminile, i medici hanno capito che molte pazienti hanno ovuli più deboli che non vengono fecondati.

La nuova tecnica utilizza cellule staminali di ovuli sani che non sono ancora sviluppati per “ringiovanire” quelli invece che sono più anziani.

Nel mese di maggio del 2014 la 34enne Natasha Rajani, madre del piccolo Zain, ha subito un prelievo di un campione di tessuto ovarico.

I ricercatori del centro OvaScience hanno individuato i mitocondri dalle cellule staminali ed estratti tessuto prelevato, poi li hanno inseriti negli ovuli più deboli. Infine è stata eseguita la fecondazione in vitro con lo sperma del marito della donna.

Questo metodo è vietato negli Usa dove è considerato una forma di terapia genetica.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

Benessere femminile, il ministro della Salute Lorenzin ha firmato il manifesto

Benessere femminile, il ministro della Salute Lorenzin ha firmato il manifesto

Ottima Notizia arriva dal ministero della salute: il ministro Beatrice Lorenzin si impegna per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *