Home / World / Taranto alle prese con il diluvio e l’Ilva chiude
Taranto sotto il diluvio ilva chiude

Taranto alle prese con il diluvio e l’Ilva chiude

Così come a Benevento sono giorni di emergenza, dopo la morte di due persone, il sud d’Italia ed in particolar modo la provincia di Taranto, è messa in ginocchio dal maltempo.

Proprio Taranto è stata colpita ed è colpita in queste ore da una serie di cosiddette “bombe d’acqua” che hanno praticamente allagato molti quartieri della città, finendo addirittura per chiudere l’Ilva, mentre i cittadini utilizzano addirittura barche e canotti per riuscire a spostarsi.

Molte sono le persone rimaste intrappolante negli uffici o nelle proprie abitazioni, in particolar modo negli scantinati o ai piani terra, anche la stazione ferroviaria è stata bloccata dagli allagamenti che sono stati segnalati praticamente in tutta la città.

Sono proseguiti anche i black out elettrici, in pratica così come Benevento, sommersa da un metro d’acqua, anche Taranto è stata letteralmente messa in ginocchio, anche l’Ilva ha deciso di serrare i cancelli ufficialmente per “Salvaguardare l’incolumità dei dipendenti e mettere in sicurezza gli impianti”.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

Mattarella Tricolore simbolo di unita

Mattarella: “Tricolore simbolo di unità anche per nuovi italiani”

Oggi 7 gennaio si celebra la Giornata Nazionale della Bandiera, conosciuta anche come Festa del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *