Home / News Salute / Prozac contro la sindrome di Down, 21 donne negli USA per i test
Prozac contro la sindrome di Down

Prozac contro la sindrome di Down, 21 donne negli USA per i test

Nuovi test per il farmaco antidepressivo Prozac, secondo alcuni studi tale farmaco potrebbe essere utile per combattere i sintomi della sindrome Down.

Secondo la rivista Mit Technology Review, i test partiranno negli Stati Uniti e precisamente all’University of Texas Southwestern Medical Center di Dallas, il Prozac sarà utilizzato su 21 donne in gravidanza, ai cui feti è stata diagnosticata la sindrome di Down.

Successivamente il farmaco verrà somministrato, non solo durante il periodo della gravidanza, ma fino ai primi due anni della vita del neonato, anche se dal Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell’Università di Bologna, spiegano: “Non è detto che nell’uomo l’effetto sia lo stesso, e fino alla dimostrazione non si possono illudere le famiglie. Stiamo per iniziare a Napoli un test su bambini tra i 5 e i 10 anni.

Attualmente negli Stati Uniti almeno 200 bambini continuano a ricevere il farmaco come cura per sintomi da sindrome di Down.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

Benessere femminile, il ministro della Salute Lorenzin ha firmato il manifesto

Benessere femminile, il ministro della Salute Lorenzin ha firmato il manifesto

Ottima Notizia arriva dal ministero della salute: il ministro Beatrice Lorenzin si impegna per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *