Home / News Online / Miami e New Orleans, più a rischio per l’innalzamento dei mari

Miami e New Orleans, più a rischio per l’innalzamento dei mari

E’ stato pubblicato su Pnas (Proceedings of the National Academy of Sciences) uno studio scientifico a dir poco spaventoso: secondo la ricerca per 414 città americane non ci sarà speranze di sopravvivenza, e prima del 2100 scompariranno sommerse dai mari;

qualunque sia l’impegno intrapreso per contrastare i cambiamenti climatici il destino di queste città è segnato” Si legge nello studio, che imputa la colpa alle emissioni di CO2 e di gas serra ad opera dell’uomo. Se tali emissioni continueranno a questo ritmo, allora in meno di cento anni Miami e New Orleans saranno completamente sommerse dall’innalzamento del livello dei mari.

Nella nostra analisi, molte città hanno un futuro che dipende dalle nostre scelte sul carbonio, ma alcune appaiono già perse” Ha affermato l’autore principale dello studio sul futuro degli Usa Benjamin Strauss, che nomina tra le zone a rischio anche la Florida, New York e la California. Come impedire che tutto ciò accada? con un cambio di rotta di 14 città con oltre 100.000 abitanti che dovrebbero drasticamente ridurre le emissioni prodotte.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

Casino online 2017, a marzo la spesa registra un balzo a due cifre

Casino online 2017, a marzo la spesa registra un balzo a due cifre

In Italia la spesa nei casino online, nel mese di marzo del 2017, si è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *