Home / News Gossip / Malato di Alzheimer ruba salsicce e riceve una multa di 11.250 euro

Malato di Alzheimer ruba salsicce e riceve una multa di 11.250 euro

ruba salsicce alzheimerLa crisi economica è arrivata in Italia da un paio di anni e da allora molto spesso si sente ai telegiornali di persone che per fame sono costrette a rubare nei supermercati.

L’ultimo caso, avvenuto però nel giugno 2010, è davvero assurdo: un pensionato cremonese di 84 anni, per aver rubato una confezione di salsicce di 1,76 euro, è stato condannato a 45 giorni di carcere, paragonabili ad una pena pecuniaria di 11.250 euro, in quanto l’anziano ha nascosto la merce nei pantaloni e quindi intenzionato sin da subito a rubare.

I parenti hanno subito criticato questa pena e il loro avvocato, Marialuisa D’Ambrosio, ha dichiarato:

E’ davvero assurdo, come si può condannare un pensionato in questo modo, sapendo anche che soffre da tempo di Alzheimer. Infatti nel 2010 già soffriva di vuoti di memoria e da allora è molto peggiorato: vive ormai chiuso in casa assieme alla badante. Inoltre il neurochirurgo gli ha prescritto diverse terapie e tutto è dimostrabile con i certificati medici“.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Elisa Carriero

Appassionata di scrittura, è una content writer di provata esperienza, una delle sue passione è la musica.

Check Also

WSOP 2016, Event #69 Guillaume Diaz in testa nel Day 2

WSOP 2016, Event #69: Guillaume Diaz in testa nel Day 2

A conclusione del Day 2, nell’Event #69 delle WSOP 2016, le World Series of Poker, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *