Home / News Online / Casinò della Louisiana, blackjack: carcere e multa per un monaco buddista
Casinò della Louisiana, carcere e multa per un monaco buddista
Casinò della Louisiana, carcere e multa per un monaco buddista

Casinò della Louisiana, blackjack: carcere e multa per un monaco buddista

Un monaco buddista, in alcuni casinò della Louisiana, si è in passato seduto per giocare ai tavoli di blackjack. Fin qui, in teoria, niente di male se non fosse che il 38-enne Khang Nguyen Le è accusato d’aver sottratto dal suo tempio i soldi per giocare, e per questo è stato condannato a 30 mesi di carcere cui va aggiunta una multa di $ 250 mila in accordo con quanto riportato dal sito AssoPoker.com.

Dopo essere stato smascherato, Khang Nguyen Le nel mese di ottobre del 2014 è stato costretto, proprio nello stato USA della Louisiana, a dimettersi dalla carica di responsabile del Vietnamese Buddhist Association che si trova a Lafayette.

A quanto pare per quasi due anni, dal gennaio 2013 all’agosto del 2014, il monaco buddista si recava, due/tre volte la settimana, presso un Casinò presente nelle vicinanze per giocare anche fino a 10 mila dollari in una sola giornata ai tavoli scegliendo spesso quelli di blackjack.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Redazione

La redazione di RP - News pubblica contenuti scritti a più mani, sempre aggiornati per gli utenti del web.

Check Also

Casino online 2017, a marzo la spesa registra un balzo a due cifre

Casino online 2017, a marzo la spesa registra un balzo a due cifre

In Italia la spesa nei casino online, nel mese di marzo del 2017, si è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *