Home / World / Aylan, il padre accusato del naufragio
Aylan, il padre accusato del naufragio

Aylan, il padre accusato del naufragio

Sono giorni che la fotografia di Aylan e la sua storia stanno commuovendo il mondo intero, ora arriva una pesante accusa sul padre del bambino iracheno che ha trovato la morte sulla spiaggia di Bodrum insieme al fratellino più grande e alla madre.

Secondo una donna irachena, che in quel naufragio ha perso le due nipotine, a causare l’incidente sarebbe stato il padre di Aylan, che era lo scafista. La zia di Zaiba e Haidar, questi i nomi delle due piccole vittime irachene, ha rilasciato questa pesante dichiarazione al quotidiano iracheno “Shafaq news” e ha aggiunto che l’uomo avrebbe provocato l’incidente dopo essersi ubriacato.

La donna era su quella barca e ha dichiarato: “I media di tutto il mondo ne hanno fatto una vittima e un eroe ma lui si è sfilato dalle sue responsabilità. Era il capitano della barca, era lui che guidava”.

Abdullah Kurdi, il padre di Aylan sarebbe quindi un trafficante di esseri umani e non un padre disperato che è diventato il simbolo della tragedia di milioni di profughi che scappano dai loro paesi.

CasinòBonus GratisBonus di benvenutoRequisitiGioca
slot machine 10 euro200% fino a 100 euro20x giocabile subitoslot machine
slot machine 30 euro1200% fino a 300 euroReal Bonusslot machine
slot machine 20 euro250% fino a 500 euro22x da sbloccareslot machine
slot machine 88 euro - vincita massima 8 euro125% fino a 500 euro30x giocabile subitoslot machine
slot machine nessuno25% o 100% in base alla somma depositata20x da sbloccareslot machine
slot machine 10 euro100% fino a 1000 euro30x da sbloccareslot machine

About Alessandra Forte

Content writer per passione, laureata in economia marittima e del commercio, ama lo sport e la musica.

Check Also

Mattarella Tricolore simbolo di unita

Mattarella: “Tricolore simbolo di unità anche per nuovi italiani”

Oggi 7 gennaio si celebra la Giornata Nazionale della Bandiera, conosciuta anche come Festa del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *